Osservatorio

Informazioni sull'Osservatorio

L'Osservatorio del Nord Ovest è stato costituito, nell'estate del 2002, sulla base di un progetto firmato da un gruppo di studiosi afferenti ai Dipartimenti di Scienze Sociali, Studi Politici e Psicologia. L'Osservatorio è nato per iniziativa dei tre Dipartimenti e dell'Associazione Torino Internazionale, cui in particolare si deve il coinvolgimento dei principali Enti sostenitori.


Sede: Dipartimento di Scienze Sociali, via S. Ottavio 50, Torino (tel. 011.670.2613  -  fax: 011.670.2612).


Sito internet: www.nordovest.org oppure www.nordovest.net. Il sito permette di prendere visione dei questionari, dei dati, e dei rapporti redatti dall'Osservatorio.


Enti sostenitori:la fase di decollo dell'Osservatorio del Nord Ovest (installazione del panel e "Indagine zero", condotta fra ottobre e novembre 2002) è stata finanziata con risorse del Dipartimento di Scienze Sociali e con contributi esterni dell'Associazione Torino Internazionale, del Comune di Torino, della Compagnia di San Paolo, della Fondazione Crt, dell'Associazione Amapola.

attualmente il gruppo degli Enti sostenitori comprende il Comune di Torino, la Provincia di Torino, la Regione Piemonte, la Compagnia di San Paolo, la Fondazione Crt e l'Associazione delle Fondazioni delle Casse di Risparmio Piemontesi.


Scopi: la finalità primaria dell'Osservatorio del Nord Ovest non è di seguire l'evoluzione degli umori dell'opinione pubblica nel brevissimo periodo, anche perché quando l'intervallo fra due rilevazioni è di poche settimane è molto difficile distinguere una semplice fluttuazione da un vero cambiamento. I cambiamenti che l'Osservatorio cercherà di tenere d'occhio sono cambiamenti di periodo lungo, medio e medio-breve (cadenza quadrimestrale, 3 indagini all'anno). I fenomeni analizzati rientrano in quattro settori principali: economia, società, cultura, politica.


Attività: l'attività principale dell'Osservatorio è l'effettuazione di tre indagini all'anno sulle popolazioni di otto aree territoriali (comune di Torino, Area metropolitana di Torino, Provincia di Torino, Piemonte, Nord, Centro, Sud, Italia), nonché la predisposizione di un Rapporto annuo sul mutamento sociale in Italia e di tre rapporti quadrimestrali "focalizzati". La stesura del questionario, le analisi dei dati e la stesura del rapporto sono effettuate direttamente dallo staff dell'Osservatorio. Le rilevazioni da febbraio 2008 a giugno 2009 sono state affidate all'Istituto Swg, mentre da novembre 2009 all'Istituto GfK Eurisko.

Rilevazioni quadrimestrali: si svolgono nei mesi di febbraio, giugno, ottobre. Ogni indagine prevede sia un questionario locale (rivolto ai residenti a Torino e nel resto del Piemonte) sia un questionario nazionale (rivolto a residenti in tutte le zone del paese), entrambi sottoposti per via telefonica. Il questionario nazionale contiene circa 30 domande, in parte costanti in parte variabili nel tempo, vertenti sugli atteggiamenti e i comportamenti della popolazione in quattro aree principali: economia, società, cultura, politica. Nel questionario locale circa tre quarti delle domande sono identiche a quelle del questionario nazionale, mentre un quarto verte su temi più specifici ed è riservato agli Enti sostenitori dell'Osservatorio.

Il questionario nazionale contiene circa 45 domande, in parte costanti in parte variabili nel tempo, vertenti sugli atteggiamenti e i comportamenti della popolazione in quattro aree principali: economia, società, cultura, politica. Nel questionario locale circa tre quarti delle domande sono identiche a quelle del questionario nazionale, mentre un quarto verte su temi più specifici ed è riservato agli Enti sostenitori dell'Osservatorio.


Rapporti: in corrispondenza di ciascuna delle tre indagini quadrimestrali l'Osservatorio del Nord Ovest produce un Rapporto focalizzato, vertente su uno o più temi specifici, e presentato in un'apposita conferenza stampa convocata intorno alla fine del quadrimestre.

Al termine dell'anno, sulla base delle tre indagini quadrimestrali, viene redatto il Rapporto annuo sul mutamento sociale.


Pubblicità dei dati: i dati prodotti dall'Osservatorio del nord Ovest, ossia i risultati delle tre rilevazioni quadrimestrali, vengono resi pubblici in due forme:

  • mediante le distribuzioni delle risposte, disaggregate per area territoriale, direttamente nel sito dell'Osservatorio;
  • come system file Spss.
Nel primo formato sono disponibili appena terminata ciascuna indagine (in linea di massima entro il quadrimestre di riferimento). Nel secondo formato sono disponibili immediatamente per gli Enti sostenitori e per lo staff dell'Osservatorio, ed entro un anno per il resto della Comunità scientifica.


Indipendenza: l'Osservatorio del Nord Ovest opera sotto la supervisione di un Comitato scientifico in cui, oltre al Direttore, siedono rappresentanti dei tre Dipartimenti universitari che hanno proposto la sua costituzione: Scienze Sociali, Studi Politici, Psicologia. Nello staff dell'Osservatorio è presente un vasto spettro di competenze disciplinari: sociologia, scienza politica, psicologia sociale, psicometria, analisi dei dati, statistica.

I dati più "sensibili", come quelli sulle preferenze elettorali, saranno resi pubblici sul sito dell'Osservatorio solo a rientro dei questionari completato, e dopo che siano del tutto esaurite le complesse operazioni matematico-statistiche che ciascuna delle 3 indagini comporta, dalla pulizia dei dati alla ponderazione del campione.


Campione: il campione dell'Osservatorio del Nord Ovest è costituito da circa 3.500 individui, di cui circa 1.500 residenti a Torino e in Piemonte, e circa 2.000 residenti nel resto d'Italia. L'ampiezza del campione consente di effettuare sia confronti sistematici fra aree concentriche (Torino, Area metropolitana di Torino, Provincia di Torino, Piemonte), sia confronti sistematici fra le principali aree del paese (Nord, Centro, Sud).


Direzione: l'Osservatorio è guidato da un Comitato scientifico, di cui fanno parte il Direttore dell'Osservatorio (dott.ssa Barbara Loera) e uno studioso per ciascuno dei tre Dipartimenti promotori. Il Dipartimento di Scienze Sociali è rappresentato dalla prof.ssa Adriana Luciano, il Dipartimento di Studi Politici dal prof. Alfio Mastropaolo, il Dipartimento di Psicologia dal prof. Michele Roccato. Il Responsabile scientifico è il prof. Luca Ricolfi.


Staff: lo staff dell'Osservatorio è formato da 12 membri, con competenze disciplinari molto varie (sociologia, scienza politica, psicologia, psicometria, metodologia della ricerca, analisi dei dati, statistica, informatica). Fanno parte dello staff: Paolo Campana, Rossana Cima, Francesca Dallago, Mirko Dancelli, Luisa Debernardi, Barbara Loera, Tania Parisi, Claudia Pinna, Luca Ricolfi, Michele Roccato, Silvia Testa, Sinforosa Zambrino.